Asarum, stranezze in ombra

Un genere diffuso in Europa, Asia e Nord America che ama le zone ombrose, umide, fertili ma drenate è Asarum, spesso sconosciuto ma molto interessante. Comprende oltre 120 specie e fa parte dell’altrettanto insolita famiglia delle Aristolochiaceae.

Si tratta di piante a rizoma strisciante e sotterraneo, con foglie cordate ed ad apice più o meno ottuso, piuttosto coriacee, talvolta pelose, talvolta lucide e in molte specie variamente maculate di bianco o di verde più chiaro. I fiori sono trilobati a base urceolata, cuoiosi, di colori non vistosi e solitamente sui toni del bruno, del verde e del bianco, eventualmente compresenti. Ricordano vagamente quelli delle Stapeliae, ma a tre lobi. Da esperimenti fatti su Asarum europaeum (Kugler, 1934) e Asarum canadense (Wildman, 1950) risulta che almeno queste due specie si autoimpollinano quasi sempre. Le dimensioni dei fiori variano molto e, insieme alla colorazione, li rendono più o meno vistosi nelle varie specie.

Alcune hanno fiori molto attraenti per la loro forma e per i loro colori insoliti, mentre altre presentano piccoli fiori bruni e quasi invisibili.

La fioritura avviene a livello del terreno, spesso sotto le foglie. Tra le specie a fiori più strani e vistosi posso citare Asarum maximum, Asarum sieboldii, Asarum splendens, Asarum speciosum, Asarum asaroides, Asarum hatsushimae, Asarum fudsinoi, Asarum kiusianum, Asarum insigne, Asarum megacalyx, Asarum minamitanianum, Asarum yaeyamense, Asarum macranthum. Non dimentichiamo che anche le foglie fanno la loro bella presenza anche quando i fiori non risultino molto attraenti. Alcune specie possono comportarsi da tappezzanti, mentre altre risultano di estrema lentezza nella crescita e nell’accestimento.

Si trovano molto raramente in commercio e quando la bellezza sta insieme alla rarità ed alla lentezza il prezzo può essere piuttosto alto, anche per un piccolo pezzo di rizoma.

I semi sono dotati di eleosoma, una struttura accessoria ad essi attaccata che attira molto le formiche e che le porta ad agire come insetti dispersori. Sono quindi piante mirmecocore, cioè i cui semi sono dispersi dalle formiche. La loro germinazione avviene in superficie ed in presenza di luce (la pur scarsa luce che può esserci in una zona comunque ombreggiata).

Le foglie, se stropicciate, emettono un odore particolare e sono molto appetite dalle lumache per cui è opportuno provvedere a difendere le piante dall’essere smangiucchiate da questi gasteropodi.

Alcune specie sono sempreverdi, mentre altre hanno una certa stagionalità e possono restare senza foglie in estate od in inverno, a seconda delle temperature.

Alcuni cloni di alcune specie possono essere meno ricchi di pigmenti ed i loro fiori risultano biancastri o verdastri. Questi possono essere selezionati e coltivati come cultivars atipiche. Uno di questi è Asarum sieboldii ‘Jade Dragon’, ma esiste anche Asarum maximum nei cui fiori il nero è sostituito dal verde ed altri esempi ancora.

Se quindi qualcuno avesse una zona ombrosa in cui non sapesse cosa coltivare, una bella collezione di asari potrebbe risultare un’interessante soluzione.

Asarum maximum in coltivazione. Una pianta di oltre 10 anni.
Ambiente in cui cresce Asarum europaeum