Amaryllis

È un genere di piante bulbose appartenente alla famiglia delle Amaryllidaceae, a cui dà il nome. Contiene due specie: Amaryllis belladonna ed Amaryllis paradisicola. La prima è molto comune mentre la seconda è rarissima ed “evanescente”.

Con il nome di Amaryllis vengono spesso ed erroneamente chiamate le specie del genere Hippeastrum: un genere simile, anche cariologicamente (cioè per quanto riguarda i cromosomi), ma con alcune ben definite differenze morfologiche e geobotaniche. Amaryllis è diffuso nell’Africa meridionale, mentre Hippeastrum è diffuso in America meridionale con due centri di diffusione: uno nel Brasile meridionale ed uno in Bolivia. Amaryllis ha lo scapo fiorale pieno; Hippeastrum lo ha cavo. Amaryllis produce semi carnosi, sferici e che germinano in poche settimane anche se non interrati; Hippeastrum ha semi piatti, nerastri, dotati di un’ala cartacea che ne favorisce la dispersione ad opera del vento.

Amaryllis belladonna cresce spontaneo nelle zone a clima mediterraneo dell’Africa meridionale occidentale ed è una specie decidua, a riposo estivo asciutto ed a crescita invernale. I bulbi sono piriformi, di circa 8 x 10 cm, accestenti e piuttosto superficiali, talvolta anche parzialmente esposti all’aria nella loro parte superiore. I fiori, in numero di circa 5-10, sono portati su scapi fiorali alti circa 50 cm e sono imbutiformi, larghi circa 8 cm e lunghi circa 10 cm. Nelle popolazioni selvatiche i singoli cloni possono avere foglie più o meno larghe (da 2 a 6 cm) e la colorazione dei fiori più o meno scura (da bianca a fuchsia), con molte varianti intermedie.

Approfitto dell’occasione e dell’argomento per raccontarti che queste varianti, come in diversi caratteri presenti in molte specie diversissime, sono regolate da QTL (Quantitative Trait Loci). Questi sono diversi “posti” (loci) nel DNA in cui può essere attivato o meno un gene che, insieme ad altri, porta un contributo alla gradazione di un carattere (trait). È un po’ come se avessimo diversi interruttori, ognuno dei quali collegato ad una singola lampada, e potessimo così variare la luminosità di una stanza accendendo tutte le lampade, nessuna o solo alcune. Ogni gene può poi avere uguali entrambi gli alleli (cioè la parte ereditata dal padre e la parte ereditata dalla madre), ed allora può replicarsi uguale nella discendenza o non averli uguali ed allora nella discendenza si avranno diverse combinazioni che rispetteranno le dominanze. Tutto questo moltiplicato per il numero di geni che regolano il solito carattere. Ecco come si spiegano diverse sfumature di carattere negli esseri viventi.

Tornando al nostro Amaryllis belladonna e per quanto riguarda la coltivazione bisogna raccomandare un distinto riposo estivo, un inverno umido, mite (a -4°C si “bruciano” le foglie) e luminoso; un terreno ben drenato ma non abbondante dove lasciare i bulbi indisturbati per molti anni (le Amaryllidaceae spesso non amano essere trapiantate) ed una concimazione poco azotata. Le piante iniziano a fiorire a fine estate o, se la siccità estiva è forte e prolungata, anche in autunno inoltrato. La specie è autofertile ed i fiori possono essere facilmente impollinati, cosa che consiglio di fare manualmente se si desidera ottenere molti semi.

La semina deve essere effettuata subito o comunque entro poche settimane dalla raccolta dei semi. Si pongono i semi in terra da succulente ma tenuta umida avendo cura di sotterrarli appena o di lasciarli anche leggermente esposti. Le foglie emergeranno in poche settimane ed i bulbetti ottenuti saranno pronti a fine primavera ad affrontare la loro prima siccità estiva. Fioriranno dopo circa 5-8 anni.

Amaryllis paradisicola è invece una specie descritta nel 1998 e già ricercatissima da chi arriva a sapere della sua esistenza. Speriamo che diventi disponibile in coltivazione e che non vengano danneggiate con la raccolta le scarse popolazione selvatiche. Anzi speriamo che le piante coltivate diventino una “scorta” delle popolazioni selvatiche (conservazione ex-situ).

Questa specie ha foglie più linguiformi ed obovate, più ottuse all’apice, meno scanalate e più appressate al suolo. I fiori presentano una tinta rosa più uniforme sulle varie zone dei tepali, lo stigma è trifido con lobi più lunghi e la specie è adattata ad un clima montano arido e più tropicale.

Hippeastrum

Ancora troppo spesso queste meravigliose bulbose sono erroneamente chiamate Amaryllis. Hippeastrum è invece un genere tutto sudamericano che si differenzia dal sudafricano Amaryllis soprattutto per i propri semi che sono piatti, papiracei, neri ed alati. Inoltre Hippeastrum ha gli scapi fiorali cavi, mentre Amaryllis li ha pieni.

L’etimologia del nome di questo genere è da ricercarsi in hippeus (= cavaliere) e astron (= stella). Quindi il significato della parola Hippeastrum è “stella del cavaliere”, ma il motivo di tale scelta non è ben chiaro.

Si tratta di geofite a bulbo poco profondo o parzialmente esposto le cui specie sono solitamente diffuse in ambienti semiaridi e con un perfetto drenaggio, come, ad esempio, su pendii erbosi con alcune rocce e sul ciglio di scarpate. Esistono però alcune specie originarie di ambienti molto diversi che vanno dalle paludi alle rupi assolate, dalle foreste e ai bordi dei torrenti.

 Nonostante questo genere sia diffuso dal Messico all’Argentina esistono due centri di biodiversità, cioè due zone in cui vivono un gran numero di specie: il Brasile sud-orientale e la regione degli Yungas, intorno al confine tra Bolivia e Perù.

Trovo molto affascinante che, nonostante la plurisecolare esplorazione botanica e, purtroppo, la forte distruzione degli habitat, si continuino ancora a trovare specie nuove mai descritte. Proprio in questi giorni è stato pubblicato Hippeastrum verdianum ad opera di un mio amico di Facebook.

Per non trattare dei comuni ibridi commerciali dei quali si è spesso persa ogni genealogia e che trovo molto poco interessanti da un punto di vista naturalistico, ti parlerò di alcune delle circa novanta specie botaniche, vere bellezze naturali.

In coltivazione è sempre utile cercare di ricreare le condizioni ambientali dei luoghi di distribuzione naturale, come sempre, ed allora ti indico qui di seguito un substrato adatto alla maggioranza delle specie, cioè a quelle che vivono in aree semiaride, più o meno luminose e ben drenate: 50% lapillo vulcanico a granulometria di circa 3-5 mm, 30% terriccio universale contenente anche compost, 20% sabbia ventilata (cioè senza polvere).

Questi che seguono sono invece alcuni degli habitat “insoliti” e le loro specie.

Paludi: Hippeastrum angustifolium, H. santacatarina, H. breviflorum.

Lungo i bordi di corsi d’acqua e cascate, talvolta temporaneamente inondati: Hippeastrum ramboi.

Rupi assolate: Hippeastrum mollevillquense

Foreste: Hippeastrum striatum, H. vittatum (margini di foreste), H. aulicum (epifita), H. papilio (epifita), H. calyptratum (epifita), H. arboricola (epifita).

Le specie epifite hanno bisogno di un substrato molto arieggiato e per le quali consiglio un 80% lapillo vulcanico e un 20% terriccio universale o anche un 100% lapillo vulcanico.

Per quanto riguarda la stagionalità bisogna dire che hanno generalmente bisogno di un riposo invernale piuttosto asciutto e a temperature minime di almeno 5°C ma alcune specie sopportano (ma non amano) un po’ di pioggia invernale e temperature minime fino a circa -2°C (Hippeastrum papilio, sempreverde, e H. aulicum, a vegetazione e fioritura invernali in clima mediterraneo).

Hippeastrum reginae pare (ma non lo ho testato) che resista fino a -7°C ed incrociato con H. vittatum ha dato origine a H. x johnsonii, ibrido abbastanza rustico creato nel 1799 da un orologiaio inglese di nome Arthur Johnson.

La coltivazione in vaso è meno problematica se il contenitore è piuttosto stretto e viene presto riempito dalle radici. Cosa, questa, comune a molte Amaryllidaceae.

Le specie del genere Hippeastrum si possono incrociare anche con il genere Sprekelia dando origine all’ibrido intergenerico ed apomittico x Hippeastrelia.

Per quanto riguarda l’impollinazione questa avviene generalmente ad opera di insetti e di colibrì ma in Hippeastrum calyptratum sono i pipistrelli a portare il polline da un fiore all’altro. Il pipistrello si appoggia al fiore che deve sostenerne il peso. Per questo i suoi peduncoli sono particolarmente robusti. I pipistrelli non hanno una buona vista ed i fiori, verdi e dall’odore di “plastica nuova”, possono fotosintetizzare piuttosto che attrarre impollinatori con colori vivaci.

Poche specie sono autofertili ed alcune lo sono solo in qualche individuo. L’impollinazione incrociata è sempre favorita con vari meccanismi e anche le specie autofertili si autoimpollinano solo come “ultima chance”.

I semi vengono dispersi dal vento, come si può facilmente immaginare data la loro forma. In coltivazione vengono spesso seminati facendoli galleggiare sull’acqua in un contenitore per poi trapiantare le plantule appena saranno maneggiabili. Alcuni affondano ma germinano ugualmente. Io preferisco seminarli su un substrato solido, uguale a quello adatto alla crescita delle piante adulte, poiché la crescita iniziale in acqua avviene utilizzando esclusivamente le riserve del seme e non anche i nutrienti prelevabili dal terreno. Inoltre il trapianto potrebbe causare alcune perdite e disturbare le piantine che dovrebbero abituarsi al substrato solido dopo essersi inizialmente sviluppate in acqua.

Alcune specie producono bulbi laterali (alcuni individui più di altri) ed altre invece no. Quando presenti, i bulbi laterali possono essere impiegati nella propagazione agamica, ma, ovviamente, costituiranno sempre un solito clone non autoimpollinabile nel caso di specie o di individui autosterili.

Nel caso ti servissero altre informazioni ti invito a contattarmi attraverso il modulo di contatto di questo sito, mentre per informazioni sui substrati in generale puoi scaricare il minicorso da qui.  

Qui di seguito ti metto alcune mie foto.

Hippeastrum papilio in piena terra, nonostante sia epifita.
Hippeastrum papilio
Hippeastrum puniceum
Hippeastrum roseum
Hippeastrum calyptratum
Hippeastrum calyptratum
Hippeastrum machupijchense in natura
Esempio di substrato adatto alla maggior parte delle specie del genere Hippeastrum

Come coltivare le geofite mediterranee

Bulbi, tuberi, cormi e rizomi di specie che crescono intorno al Mediterraneo e in altre zone con un clima simile hanno una loro caratteristica: crescono, più o meno, dall’autunno alla primavera. In estate vanno in riposo e spesso trascorrono questa stagione senza foglie.

Anche nel coltivarle devi assolutamente rispettare il loro ciclo vegetativo. Durante l’estate devono restare all’asciutto. Se però le coltivi in vaso evita che questi rimangano esposti al pieno sole dalla mattina alla sera perché gli organi sotterranei di riserva potrebbero letteralmente cuocersi. In natura il terreno viene riscaldato solo dall’alto e la temperatura diminuisce con la profondità. Qui parliamo di profondità di qualche centimetro o decimetro e quindi non prendiamo in considerazione il gradiente geotermico che in questo caso è irrilevante. I vasi nel tardo pomeriggio sono già caldi da ore e, via via che il sole cala sull’orizzonte, iniziano ad essere riscaldati anche lateralmente togliendo alle piante la possibilità di evitare le alte temperature rifugiandosi in profondità sotto forma di bulbi e organi simili.

Ti consiglio quindi di coltivarle in piena terra o, se le coltivi in vaso, di tenere i vasi in ombra o in ombra parziale durante l’estate, tanto non hanno bisogno di luce quando sono senza foglie.

Il terreno deve essere generalmente ben drenato, spesso può andar bene un terreno da succulente, lasciato però umido durante l’inverno.

Se opterai per un vaso ricorda che questo deve essere profondo poiché le radici esploreranno solo la parte bassa, dall’organo di riserva in giù. Nel caso in cui quest’ultimo fosse già profondo capirai che alle radici rimane ben poco spazio in fondo al vaso in cui crescere. Tutto il terreno soprastante servirà solo a coprire l’organo di riserva e le radici non lo esploreranno, non lo asciugheranno ed esso resterà talvolta più umido del dovuto. In piena terra, invece, la parte più asciutta del terreno è solitamente quella superficiale.

I vasi hanno solitamente la stessa profondità del loro diametro per cui ti consiglio di coltivare diversi bulbi in un vaso che per essere abbastanza profondo sarebbe altrimenti troppo largo per una sola pianta. Questo è vero soprattutto per le geofite profonde, come Pancratium e Lycoris.

Mi chiedo se non sarebbe meglio usare pomice pura per finire di riempire un vaso con una specie di geofita coltivata al suo interno, lasciando il “vero” terreno solo nella parte bassa dove crescono e lavorano le radici. Dalle radici in su, un inerte non assorbente, isolante e ben arieggiato non potrebbe fare che bene alla salute della pianta. Ma questo devo ancora sperimentarlo.

Se hai la possibilità di coltivare le tue geofite mediterranee in piena terra sarà tutto più semplice, a patto che tu le protegga da erbacce e da animali che potrebbero mangiarle (ad esempio cinghiali ed istrici).

Ricorda che nel coltivarle dovrai, anche in questo caso, fare sempre riferimento all’ambiente naturale in cui crescono, perché di climi mediterranei, caratterizzati da estati asciutte, ne esistono di diversi tipi e non solo intorno al Mediterraneo. Alcuni sono quasi desertici, altri quasi oceanici. Oltre tutto poi sono diversi anche i terreni in cui le geofite possono crescere. Si va, ad esempio, dalla sabbia pura in cui cresce Pancratium maritimum al terreno ricco di humus, ma sempre ben drenato, in cui crescono Ambrosina bassii e varie specie di Cyclamen. Inoltre si hanno terreni acidi e terreni alcalini.

Un metodo che mette parzialmente insieme la coltura in piena terra e quella in vaso e che viene solitamente usato nelle serre di orti botanici e collezionisti nordici è quello che vede i vasi di terracotta immersi in letti di sabbia, sia a terra che su pancali rialzati. Nei vasi umidità e temperatura non subiscono grandi e rapidi sbalzi a causa della sabbia leggermente umida che avvolge tutto. La terracotta permette all’umidità di passare dai vasi alla sabbia quando è in eccesso e dalla sabbia ai vasi quando scarseggia. Inoltre i vasi non vengono a surriscaldarsi lateralmente per l’irradiazione solare. Il terreno nei vasi è poi solitamente coperto da ghiaia fine (tipo da acquario, 3-6 mm) per diminuire la traspirabilità superficiale e per evitare la formazione di croste e muschi. Questa pacciamatura di ghiaietta inoltre impedisce in parte lo sviluppo di erbacce e costituisce anche una rifinitura estetica.

Quali sono alcune delle più interessanti geofite mediterranee? Senza dubbio le più vistose sono le Amaryllidaceae del Sud Africa occidentale: diverse specie nei generi Brunswigia, Amaryllis, Nerine, Cyrtanthus, Gethyllis, Haemanthus. Anche le più propriamente mediterranee Sternbergia, Narcissus e Pancratium non sono da meno e trovo degne di nota pure Arum, Biarum, Dracunculus, Eminium ed Helicodiceros. Il genere Iris ha diverse specie mediterranee tra cui tutto il sottogenere Oncocyclus, Iris sicula e Iris hellenica sono caratterizzate da una vera e propria deciduità estiva.

L’aiuola delle geofite

Nel caso tu non lo sapessi già, le geofite sono le specie la cui gemma apicale si trova sotto il livello del suolo. Quindi sono generalmente geofite le specie dotate di tuberi, bulbi, cormi e rizomi. Hanno i loro organi sotterranei di riserva per attraversare periodi di riposo, durante i quali spesso perdono le foglie.

Quando il clima e le altre condizioni ambientali lo consentono, coltivare le proprie geofite in piena terra darà senz’altro risultati migliori. Il vaso è più suscettibile alle variazioni di temperatura e di umidità.  La piena terra consente invece un ambiente più costante e in cui le radici possano svilupparsi liberamente.

Per avere successo nella coltivazione la regola numero uno è quella di riuscire a garantire le condizioni ambientali che ogni specie ha nel suo ambiente naturale.

Questo vale per tutte le piante. Risulta quindi fondamentale sapere se una specie cresce in natura in un terreno drenato o meno, acido o alcalino, sassoso, sabbioso o compatto, ricco o povero di materiale organico; se nel suo areale di distribuzione naturale le piogge cadono in estate, in inverno o continuamente; quanta pioggia cade e l’andamento delle temperature durante tutto l’anno; se le piante crescono al sole, all’ombra, vicino o lontano da corsi d’acqua. Insomma bisogna che tu conosca l’habitat, fino ad immaginarti la specie in questione inserita nel suo ambiente. Vederle in natura ed essere capaci di analizzare l’habitat è la cosa migliore. Una foto in natura ed una mappa climatica ti potranno aiutare più di tante raccomandazioni da imparare a memoria. Ricordarti, ad esempio, che una specie cresce nella gariga mediterranea sassosa della Sardegna è più semplice che doverti tenere a mente che, senza sapere perché, ha bisogno di un terreno sassoso, leggermente acido, ben drenato, che non deve essere annaffiata in estate, che deve stare in posizione assolata, che in inverno ha bisogno di fresco ed umido ma non di molti gradi sottozero, che probabilmente i suoi semi germineranno con le prime piogge autunnali dopo una dormienza estiva.

Al momento dell’acquisto non fare domande come “Ogni quanto va annaffiata?” ma informati invece sul luogo di provenienza.

Torniamo ora alla nostra aiuola. In essa potrai inserire specie con requisiti simili ed adattabili alle condizioni che lì troveranno.

Io, ad esempio, ho costruito un’aiuola per le iris barbate del Mediterraneo e delle zone limitrofe. L’ho fatta per le specie botaniche, perché in genere io non coltivo ibridi. Mi piace infatti osservare ciò che ha creato la natura attraverso l’evoluzione naturale. Gli ibridi selezionati e dei quali si è perfino persa la genealogia saranno sicuramente più vistosi, ma personalmente li trovo molto meno interessanti e significativi.

Ho quindi dovuto provvedere a dar loro un terreno ben drenato, calcareo e delle condizioni meteorologiche mediterranee.

L’area da me scelta si trova in una radura del mio oliveto, con terreno sassoso e ben drenato, in pendenza, ma leggermente acido in quella zona. Inoltre tassi, istrici e cinghiali potrebbero causare danni.

Ho fresato il terreno e l’ho ricoperto con circa 5 cm di terra sassosa e molto calcarea per poi fresarlo di nuovo per amalgamare il tutto. Oltre al drenaggio, la pendenza ha eliminato ogni rischio di ristagno idrico. Ho infatti notato che le iris selvatiche crescono solitamente in zone in pendenza e ho quindi dato anche quest’ultima caratteristica al terreno della loro aiuola. Poi ho dovuto costruire un recinto elettrico di protezione dagli animali che potrebbero mangiarsi i rizomi. Uno di quei sistemi appositi per i pascoli e per gli allevamenti in cui la corrente dà la scossa ma non è assolutamente pericolosa. Non ti venga in mente di fare una cosa simile ma collegandoci la corrente elettrica a 220 V che è nelle abitazioni!!!

Nel caso in cui tu non avessi un terreno in pendenza ti consiglio di provvedere a costruire un’aiuola rialzata. Si tratta praticamente di realizzare una cornice di tavole trattate (altrimenti marciscono) o di materiali prefabbricati alta 25-30 cm e di riempirla a strati di materiali drenanti e di substrato di coltivazione.

La cosa migliore è mettere uno strato di ghiaia di circa 5-10 cm sul fondo, in modo da interrompere l’assorbimento di umidità per capillarità dal sottosuolo, coperto in seguito da una miscela di terra di campo (40%), sabbia ventilata (20%)e lapillo vulcanico (o simile) (40%).

Una volta preparata l’aiuola potrai piantare le tue geofite alle dovute profondità e, volendo, potrai anche mettere un ultimo strato di ghiaia fine come pacciamatura dalla quale poi spunteranno le parti aeree delle varie piante.

Ricordati di non mescolare piante a crescita estiva e piante a crescita invernale, altrimenti annaffiando quelle a crescita estiva causerai danno a quelle a crescita invernale che in estate hanno bisogno di siccità. Per il resto lascio alle tue preferenze la disposizione delle specie ma ti ricordo che una collezione ben cartellinata ha un notevole valore in più, soprattutto se si tratta di specie botaniche, cioè di piante naturali e non di ibridi creati dall’uomo. Sarebbe opportuno indicare il nome della specie, i dati di località (cioè da dove viene ogni preciso individuo) e magari anche l’anno di introduzione. Si può anche indicare un numero di accessione, cioè un numero a cui su un registro a parte corrispondano eventuali note aggiuntive su quegli specifici esemplari, come si fa o si dovrebbe fare negli orti botanici.

Sarà inoltre bene assicurare che ogni specie abbia uno spazio abbondante, sufficiente per la crescita futura e ben distanziato dalle altre in modo che tu possa lavorare agevolmente nell’aiuola ed evitando che piante diverse si intersechino. Soprattutto se si optasse per coltivare cloni diversi per ogni/alcune specie bisognerà prestare molta attenzione a non mescolarli poiché potrebbe diventare molto difficile distinguerli in seguito.

In special modo quando si tratta di specie rare, o anche semplicemente di accessioni rare, il tenerne diversi cloni e riprodurli sessualmente tra di loro garantisce il mantenimento di una certa biodiversità preziosa.