Il pomodoro

Pianta alimentare comunissima il pomodoro (Solanum lycopersicum) ha comunque ancora alcuni aspetti spesso sconosciuti ai più.

La sua variabilità genetica è molto elevata e questo ci porta anche ad avere un grande numero di cultivars (= varietà coltivate): si tratta di diverse migliaia sparse in tutto il mondo di cui la maggior parte diffuse solo localmente o comunque su piccola scala. Le variazioni interessano le dimensioni dei frutti, la loro forma ed il loro colore; la forma, la tomentosità ed il colore delle foglie; la resistenza a diversi patogeni e stress ambientali; lo sviluppo apicale delle piante; il sapore.

Vediamo ora di analizzare uno ad uno questi aspetti:

Frutti: il loro peso varia da meno di un grammo ad oltre un chilo. Per quanto riguarda la forma si spazia da quelli sferici a quelli allungati a quelli depressi a quelli piriformi a quelli cuoriformi, tutti più o meno costoluti, più o meno cavi all’interno, più o meno ricchi di semi. Il colore è forse ciò che più colpisce ed ai tradizionali rossi si affiancano gli arancioni, i rosa, i viola, i bianchi, i gialli, i neri, i marroni ed i verdi (verdi anche da maturi). Inoltre ne esistono anche di striati esternamente e di striati sia esternamente che internamente. In alcune cultivars la buccia dei frutti può essere anche tomentosa o comunque non lucida ed in alcune altre risulta più spessa ed in grado di proteggere i frutti dal freddo (entro un certo limite). I frutti di colore bianco e giallo sono generalmente più aciduli, mentre quelli di colore viola o marrone sono più dolciastri.

Foglie: esistono cultivars “a foglia di patata”, cioè a foglia meno divisa in foglioline. Altre hanno invece foglie più glauche o più pelose. Ne esistono anche con foglie variegate di bianco. La cosa che però mi ha meravigliato maggiormente nelle foglie è stata quella delle foglie prolifiche: dalla loro nervatura centrale spuntano dei fusti che cresconono verso l’alto e che, se staccati e fatti radicare, formano delle nuove piantine. Questo ho potuto osservarlo in una pianta che stavo coltivando per ottenere un frutto da gara di grandi dimensioni e che quindi era stata messa in un terreno molto fertile, molto arieggiato e molto organico. Non ho mai più assistito a questo fenomeno nelle piante della stessa cultivar tenute in terra normale, né ho mai sentito altri parlarne.

Resistenze: molte cultivars antiche, ma non solo, sono resistenti a patogeni (virus, batteri, funghi) ed a stress ambientali (siccità, calore, freddo, umidità, composizione del terreno). Purtroppo oggi chi produce sementi su grande scala produce anche i prodotti fitosanitari per proteggere le piante dalle loro malattie e quindi ha tutto l’interesse a diffondere cultivars delicate che necessitino di trattamenti.

Sviluppo: la crescita apicale delle piante di pomodoro può essere determinata od indeterminata. Le cultivars determinate sono quelle che dopo aver prodotto un certo numero di foglie producono un’infiorescenza apicale e le loro piante cessano di crescere. Le indeterminate sono invece quelle le cui infiorescenze sono solo laterali ed apicalmente le piante crescono sempre finché vivono.

Sapore dei frutti: questo è un aspetto genotipico e fenotipico, cioè in parte dipende dai geni ed in parte dall’ambiente in cui le piante crescono. Per quanto riguarda la genetica ne ho già parlato qui sopra (pomodori chiari generalmente aciduli, pomodori scuri generalmente dolciastri) ma per quanto riguarda l’ambiente di crescita è interessante notare che in terreni più asciutti e più arieggiati si hanno frutti più saporiti che in suoli umidi e compatti. Probabilmente perché in terreni asciutti le radici devono svilupparsi maggiormente per ottenere l’acqua necessaria e quindi assorbono più sali minerali dal suolo.

Sai che non è così difficile creare una nuova cultivar di pomodoro? Puoi usare la stessa tecnica che uso io e che ho descritto nell’articolo sulla melanzana: http://www.gianlucacorazza.com/2019/01/19/la-melanzana/

Infine, vuoi sapere qual è, secondo me, il pomodoro più buono? La risposta è ‘Cherokee Purple’, una cultivar coltivata in America già in epoca precolombiana.

‘Cherokee Chocolate’, ancora più scuro di ‘Cherokee Purple’
‘Vintage Wine’
‘Canestrino Antico’
‘Chocolate Stripes’
‘Ananas’
‘Orange Russian’
‘Ciliegino Rosa’
‘Délice D’Or’
‘Purple Ukraine’
‘Pêche Rose’, a buccia rosa e vellutata.
‘Pink Ponderosa’

La melanzana

Il suo nome scientifico è Solanum melongena e appartiene alla famiglia delle Solanaceae insieme a pomodori, peperoni e patate. Fu domesticata separatamente in India e in Cina partendo dalla specie selvatica Solanum incanum. Si diffuse nelle terre circostanti. Fu poi coltivata dai persiani ed in seguito dagli arabi che la portarono nel Mediterraneo durante il Medioevo. Da qui in pochi secoli si diffuse in Europa e, con le grandi scoperte geografiche, in tutti i paesi temperato-caldi e tropicali che potessero ospitare la sua coltivazione.

È una specie perenne di breve durata ma è solitamente coltivata come annuale. I suoi frutti vengono raccolti acerbi poiché a piena maturazione sono gialli o giallastri e inmangiabili. Ne esistono un’infinità di cultivars (= varietà coltivate) variabili per forma e per colore, oltre che per altre caratteristiche meno appariscenti. Il colore dei frutti può andare dal viola quasi nero al viola chiaro, al bianco, al verde. Questi colori possono anche essere sfumati uno nell’altro o suddivisi in strisce sottili o perfino in pallini su fondo di altra tonalità. La forma va da depressa (= più larga che lunga) a sferica a piriforme a cilindrica e può variare anche nell’essere più o meno costoluta. La melanzana rossa è invece un’altra specie, di origine africana, ed anch’essa sarebbe meglio che fosse mangiata acerba (verde). Infatti, una volta a maturità, diventa, oltre che rossa, anche leggermente tossica. Scientificamente è Solanum aethiopicum.

Ho lavorato parecchio ad ibridare melanzane di diverse cultivars. Gli incroci si fanno togliendo le antere ed i petali ad un fiore non ancora aperto. Senza petali non sarà visitato dalle api e senza antere nemmeno si autoimpollinerà. Il giorno dopo, nella tarda mattinata, quando il fiore sarebbe aperto (se ancora avesse i petali), si deposita sullo stigma il polline preso dalle antere di un fiore di una cultivar diversa che si desidera incrociare con la prima pianta. Se tutto va bene si svilupperà un frutto con le caratteristiche della cultivar scelta come femmina, ma i cui semi saranno ibridi. L’anno successivo si avrà la prima generazione (detta F1) e le piante mostreranno tutte i caratteri dominanti di entrambe le cultivars prese come genitori. Un anno ancora più tardi avremo la seconda generazione, i “nipoti” dell’incrocio (detta F2) e stavolta appariranno tutte le combinazioni genetiche possibili. Tra queste prenderemo i semi solo da quelle che ci interessano ed andremo a coltivarle ed a selezionarle per alcuni anni scartando ad ogni generazione le piante che non continueranno ad avere le caratteristiche scelte. In questo modo riusciremo a stabilizzare le caratteristiche. Dopo due o tre anni che non appaiono più piante diverse possiamo dire di aver creato una nuova cultivar.

Conviene lavorare con un solo gene per volta, cioè con una sola caratteristica per volta, altrimenti sarà molto più difficile che appaia la combinazione desiderata. Alcuni tratti sono legati a molteplici geni ed hanno “gradazioni di intensità” (QTL) per cui bisogna regolarsi di conseguenza, mentre altri sono ancora più complessi e tra questi ci sono proprio i colori delle nostre melanzane. Impollinando una melanzana a frutti bianchi con una a frutti viola, oltre a tutte le sfumature intermedie di viola-rosa-bianco, appariranno anche frutti verdi e frutti di due tonalità di verde.

Per quanto riguarda la coltivazione bisogna tener presente che le melanzane amano molto il caldo e l’umidità nel terreno. Si seminano in serra a marzo-aprile e si trapiantano nell’orto a maggio. Amano inizialmente una concimazione azotata che ne favorisca la crescita ed in seguito una piuttosto ricca di fosforo per favorire la fruttificazione. Una posizione soleggiata è preferibile, anche se alcune cultivars cinesi hanno frutti che gradiscono un po’ di luce filtrata, altrimenti si scottano a causa della loro epidermide sottile. Inoltre bisognerà sostenere le piante a frutti più grandi e che potrebbero inclinarsi dal peso. Sarà anche utile evitare che i frutti più in basso tocchino il terreno, appoggiando il loro apice su sassi o pezzi di legno.

Può essere coltivata anche in vaso (un contenitore di circa 30 cm di diametro per ogni pianta), ma avendo l’accortezza di mettere detto vaso in uno leggermente più grande, in modo da proteggere le sue pareti dall’insolazione laterale che farebbe surriscaldare il terreno danneggiando le radici e favorendo l’insorgere di patogeni.

La raccolta dei frutti è un po’ particolare poiché non bisogna attendere la loro maturazione, ma solamente il momento in cui essi cessano di aumentare di dimensione. Nelle varietà violacee si può notare questo momento poiché intorno al calice sparisce la zona bianca che rappresenta l’accrescimento dell’ultimo giorno. Nelle altre varietà invece bisogna accontentarsi di fare questa operazione “ad occhio” rischiando di raccogliere un frutto che sarebbe ancora cresciuto qualche grammo.

Per finire aggiungo qui sotto alcune foto di frutti di melanzane insolite, alcune create da me.

Ibrido senza nome
‘Casper’
‘Listada de Gandía’
Ibrido senza nome.

Se ti interessano le piante iscriviti qui alla mia lista (puoi sempre disiscriverti) e riceverai subito il minicorso sulla preparazione dei terreni di coltivazione. Un minicorso per dare più salute a tutte le tue piante. Inoltre ti avviserò ogni volta che ci sarà un articolo nuovo o qualche interessante attività.